Il Green New Deal

Finalmente è stata approvata la nuova legge che pone al primo posto l’ambiente! Grazie alla nuova manovra proposta del ministro dell’ambiente Costa, sarà possibile lo stanziamento di fondi a favore di interventi green in Italia.

Il disegno di legge, oggi approvato come decreto clima, si sofferma su otto punti principali per la ripartizione dei fondi. Tra questi il “buono mobilità” destinato ai cittadini che contribuiscono, grazie alla rottamazione dei vecchi veicoli, alla riduzione delle emissioni inquinanti. Molto importante dunque il miglioramento della qualità dell’aria e l’incentivazione alla mobilità sostenibile, grazie allo stanziamento di 225 milioni di euro per le aree metropolitane.  20 milioni saranno indirizzati al trasporto dei mezzi scolastici, per incentivare l’utilizzo di mezzi elettrici dai più piccoli.
Anche per la riforestazione urbana verranno investiti 30 milioni.

Costa ha ben chiaro quali sono le misure utili al cambiamento green: oltre al Bonus mobilità, alla trasparenza dei dati ambientali e alla riforestazione, Costa incentiverà i Comuni nell’acquisto di macchinette mangia-plastica, ovvero l’investimento sugli ecoraccoglitori che differenziano i rifiuti e aiutano la corretta gestione dei vari materiali riciclabili.

Costa spiega “Finalmente troveremo anche nelle nostre città le macchinette mangia-plastica dove metteremo la nostra bottiglia di plastica, che verrà riciclata e ci darà un bonus che potrà essere di qualsiasi ordine e tipo, per fare un po’ di spesa, per comprare un biglietto della metropolitana…

Il nostro progetto sostenibile è finalmente stato ascoltato.
Il team di iRyciclo Play è fiero di annunciare la sua partecipazione al Green New Deal. Il Cambiamento, oggi, parte anche dall’alto!


Fonti
  Wired Green Report

Foto Col Decreto Clima incentivi per i prodotti sfusi e macchinette “mangia-plastica” il ministro dell’Ambiente Sergio Costa (s), il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e la presidente della Commissione Ambiente Vilma Moronese nella sala Nassyria del Senato durante conferenza stampa su decreto Clima, Roma 21 Novembre 2019. ANSA/GIUSEPPE LAMI