Skip to content

L’albero di Natale addobbato con la plastica del litorale

Sul litorale di Fiumicino, è stato allestito un singolare albero di Natale. Al posto dei più tradizionali festoni e delle palline colorate, l’albero è stato decorato con lattine, infradito, bottiglie di plastica e altri rifiuti ritrovati in spiaggia.

La provocazione che trasmette un fortissimo messaggio ambientalista, è ad opera del delegato di Fiumicino alle politiche di balneazione Toni Quaranta.

Dal suo account Facebook Quaranta dichiara: “è cominciato un po’ per gioco ma poi in questi giorni sono venuti a darmi una mano amici e residenti di Focene e la creazione ed il messaggio hanno preso corpo. Sono cresciuto qui sul lungomare da 52 anni e dobbiamo ancora subire, dopo le mareggiate e la piena del Tevere, l’invasione delle plastiche sulla nostra costa. Mi piacerebbe che ci fosse un albero del genere in ogni punto del litorale, per dare soprattutto un messaggio ed un segnale ai bambini, che sono il nostro futuro. Non nascondo che sono preoccupato per il futuro e per le nuove generazioni”.

Dietro la fantasia e la creatività di Toni, si cela però una problematica molto seria, quella dell’inquinamento marino.  Se si  dovesse continuare a questo ritmo, entro il 2050 gli oceani accoglieranno più plastica che pesci!

Fonte: Ansa