Skip to content

Il Vetro: riciclare conviene?

La materia prima di produzione del vetro è principalmente la sabbia silicea che rappresenta il 12% della crosta terrestre. Si tratta, dunque, di una materia prima economica e abbondante.

Per il suo materiale di origine, il vetro è un prodotto economico da elaborare ex-novo. Per le aziende produttrici converrebbe, dunque, produrne anziché riciclarlo.

Il vetro, però, disperso nell’ambiente impiega millenni per decomporsi; se avviato ad impianti di recupero specializzati, invece, consente un notevole risparmio di materie prime ed energia nel rispetto dell’ambiente.

La convenienza del riciclo del vetro risiede nel poter risparmiare energia durante la filiera produttiva.

La sabbia silicea pura ha una temperatura di fusione di 1700 °C e richiede il 25% di energia in più rispetto alla fusione del vetro conferito con la raccolta differenziata.

Il riciclo del vetro garantisce:

– riduzione del fabbisogno di materie prime necessarie per la sua realizzazione, in particolare sabbie silicee e carbonato di calcio, riducendo così il ricorso a cave di estrazione.
– riduzione del consumo di energia in quanto i rottami di vetro abbassano la temperatura necessaria alla fusione e di conseguenza minor inquinamento atmosferico.

La vera convenienza per le aziende non è il risparmio della materia prima (che come abbiamo detto è molto economia) ma nella buona gestione del vetro raccolto, poiché il vero risparmio consiste nel risparmio energetico.

Per riciclare il vetro è sufficiente solo un terzo dell’energia impiegata per produrlo ex novo. 

Differenziare il vetro in maniera adeguata è, quindi, fondamentale per ottimizzare il processo di riciclo.

Differenziare nel modo giusto

Fa la differenza sul risultato finale l’attenzione prestata nel separare e conferire in maniera corretta i rifiuti di imballaggi in vetro a fine vita.

È fondamentale seguire alcune semplici regole:

-conferire solo ed esclusivamente bottiglie e vasetti di vetro;
-non conferire insieme alle bottiglie e ai vasetti il sacchetto di plastica che li ha contenuti, che deve essere raccolto come plastica;
-non conferire insieme alle bottiglie e ai vasetti i cosiddetti “falsi amici” del vetro, cioè: oggetti di ceramica, oggetti di cristallo, contenitori in pyrex;questi devono essere conferiti nell’indifferenziato.

In Italia la gestione della raccolta e riciclo del vetro è affidata al consorzio CoReVe (Consorzio Recupero Vetro),  che sottoscrive apposite convenzioni locali con i Comuni, direttamente o attraverso specifica delega ai Gestori del servizio di raccolta differenziata, che disciplinano le modalità di ritiro ed i corrispettivi economici da riconoscere per il materiale raccolto.

iRyciclo Play produce ed installa eco-raccoglitori per la raccolta del vetro.

Scopri qui la gamma degli eco-raccoglitori iRyciclo Play

 

Le immagini sono solo a scopo illustrativo.