Skip to content

Allarme rifiuti: in 3 anni discariche italiane esaurite

La capacità residua delle discariche in Italia si esaurirà nei prossimi tre anni


Il fatto è che nelle discariche, evidenzia lo studio, vengono conferiti 17,5 milioni di tonnellate di rifiuti l’anno tra urbani e speciali che, tanto per rendere l’idea, corrispondono a 26 volte il volume del Duomo di Milano. Nel complesso, si tratta di un valore di ben 30 volte superiore rispetto a quello dei Paesi europei “primi della classe” in materia, vale a dire Svizzera, Svezia, Germania, Belgio e Danimarca.

Così, prendendo in considerazione solo la “frazione organica del rifiuto solido urbano”, la cosiddetta Forsu, lo studio mostra come, sia necessario raccogliere e trattare tutta la quantità prodotta. Ne discende la necessità di poter gestire questa tipologia di rifiuti recuperando materia (compost) ed energia (biogas) per ulteriori 3,2 milioni di tonnellate di Forsu.

Il Mondo intero sta consumando troppe risorse naturali, troppo velocemente, e parallelamente continua a produrre rifiuti. Ma mentre in Italia fa fatica ad affermarsi una visione di crescita impiantistica, altri Paesi accelerano sul riciclo e sviluppano impianti di recupero energetico. Una gestione virtuosa dei rifiuti produce benefici concreti: tutela l’ambiente,

La realizzazione di impianti per il trattamento della frazione organica determinerebbe, inoltre, un beneficio economico rilevante nelle Regioni con i minori tassi di raccolta differenziata, permettendo una riduzione della Tari, ossia la tassa sui rifiuti, per un valore complessivo superiore a 550 milioni migliora la qualità della vita delle persone, offre un contributo alla transizione energetica e valorizza le risorse locali e l’indotto a beneficio dei territori.

Non solo. Dal punto di vista ambientale, lo studio arriva alla conclusione che colmare la lacuna impiantistica per il recupero energetico dei rifiuti urbani e dei fanghi di depurazione permetterebbe un risparmio netto complessivo di 3,7 milioni di tonnellate di emissione di CO2 rispetto al conferimento in discarica degli stessi.