Skip to content

Rifiuti: 14 Ottobre Giornata Internazionale dei Rifiuti Elettronici

Gli E-Waste del 2021 pesano quanto la Grande Muraglia Cinese

Oggi, 14 ottobre si festeggia la giornata internazionale dei rifiuti elettronici (RAEE). Per fare un piccolo ripasso, i Raee sono definiti i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, semplicemente rifiuti elettronici, sono rifiuti particolari che consistono in qualunque apparecchiatura elettrica o elettronica inutilizzata o obsoleta e dunque destinata all’abbandono. Nel corso del 2021 il peso complessivo di quest’ultimi prodotti è stato di 57,4 tonnellate, circa come la Grande Muraglia Cinese, volendo fare un paragone.

L’appello dell’International E-Waste Day rivolto a famiglie, imprese e governi è di conferire, nella maggiore quantità possibile, prodotti plug-in o a batteria rotti o inutilizzati in strutture in cui possano essere riparati o riciclati. I loro componenti rappresentano una vera miniera di possibilità e inoltre sono da recuperare per ridurre la necessità di nuove risorse ma che potrebbero essere restituite al ciclo produttivo per ridurre le emissioni e salvaguardare l’ambiente.

I numeri della Giornata dei rifiuti elettronici 2021

In Europa, presso una famiglia media, 11 articoli elettronici su 72 rimangono inutilizzati o guasti. Ogni anno, in Europa vengono accumulati 4-5 kg ​​di prodotti elettrici ed elettronici inutilizzati per cittadino, che saranno poi smaltiti. Gli smartphone rappresentano una fetta considerevole: solo in Francia, sarebbero “da 54 a 113 milioni” i telefoni cellulari inutilizzati e sulla via per diventare rifiuti elettronici. In tutto, un peso complessivo di 10-20 tonnellate di e-waste. Negli Stati Uniti non va meglio. Qui non sono i cellulari ma i telefoni normali ad essere gettati, oltre 400mila al giorno e si stima infatti che il 40% dei metalli pesanti nelle discariche statunitensi provenga da scarti elettronici.

Per quanto riguarda il riciclo dei materiali, la quota globale di Raee riciclati si ferma al 17,4% (dal 2019), con una quota europea ferma al 55%. Tutti i materiali presenti nelle apparecchiature elettroniche potrebbero diventare risorse da recuperate e restituite al ciclo produttivo, altrimenti sarà necessario estrarre nuove forniture, danneggiando l’ambiente. Inoltre, il recupero di oro e altri materiali dai rifiuti consente di risparmiare molte emissioni di anidride carbonica rispetto all’estrazione di metalli vergini.

L’importanza dell’E-Waste Day

Telefoni cellulari, tablet, computer e altri piccoli dispositivi informatici per una serie di motivi come protezione dei dati, valore intrinseco del bene, punti di restituzione difficili da raggiungere non vengono associati alla parola riciclo. Infatti, una parte di questi materiali – il cui valore è stato prudentemente valutato in 57 miliardi di dollari – è stata bruciata senza precise regole sulla responsabilità estesa del produttore, anziché essere preservata per il riciclo.

In definitiva, l’International E-Waste Day del 2021 intende quindi promuovere l’economia circolare degli “e-product”, specialmente responsabilizzando i cittadini. L’obiettivo è quello di raggiungere la maggior parte dei cittadini in tutto il mondo, sollecitare al corretto smaltimento dei rifiuti elettronici, promuovere campagne di sensibilizzazione e attività nelle scuole e sui social. La serie di domande con cui ci si può cimentare aiuta non solo ad individuare il proprio livello di consapevolezza, ma rappresenta anche l’occasione per apprendere nuove informazioni legate all’e-waste e all’impatto ambientale di ciò che buttiamo spesso prematuramente.