Eco-raccoglitore o Eco-compattatore?

iRycicloPlay produce ed installa Eco-raccoglitori smart per la raccolta incentivante.

In cosa consiste la differenza tra Eco-raccoglitori ed Eco-compattatori?

Molto spesso vi è confusione riguardo le due tipologie di prodotto: per molti sono la stessa cosa.

Ovviamente non è così.

Costi

Una delle differenze che balza di più agli occhi è quella relativa ai costi: gli Eco-compattatori sono più onerosi nella produzione ma anche e soprattutto nella gestione.
In particolare iRyciclo Play sostiene tutti i costi della gestione hardware e software del digital signage e del traffico dati.

Manutenzione

L’eco-raccoglitore, non essendo composto da parti meccaniche, necessita di molta meno assistenza e manutenzione a differenza dell’Eco-compattatore.

Capienza

Gli eco-compattatori possono contenere un numero ridotto di materiale conferito. Negli Eco-raccoglitori iRycicloPlay è inserito un cassonetto di 1400 litri.

Velocità di conferimento

Il conferimento negli eco-raccoglitori è praticamente immediato. Gli eco-compattatori invece richiedono la lavorazione di ogni singolo elemento conferito, in questo modo i tempi di conferimento sono molto più lunghi.

 

iRycicloPlay per un comune VIRTUOSO

Sapevi che il tuo comune può diventare GREEN?

Ospitando i nostri eco-raccoglitori nel tuo Comune sarà promossa la raccolta differenziata incentivante: iRycicloPlay dove tutti vincono!

La tua città diventa GREEN, migliora la qualità della vita grazie ad una raccolta differenziata ottimale.

I comuni che aderiscono a questo nuovo modo di fare raccolta possono risparmiare sui costi di raccolta e smaltimento dei rifiuti, oltre a ricevere contributi maggiori e ad aumentare il valore dei materiali raccolti.

Costante comunicazione coi cittadini: sugli schermi degli eco-raccoglitori iRyciclo Play il comune potrà migliorare la comunicazione coi cittadini e pubblicizzare a titolo gratuito i propri eventi.

E il cittadino cosa “guadagna”?

La comunità è incentivata grazie al sistema di eco-coupon erogati dagli eco-raccoglitori iRycicloPlay, in forma cartacea o digitale sugli smartphone, tablet o PC e spendibili in prodotti e/o servizi promozionali delle attività commerciali aderenti.

Le attività commerciali che aderiscono al progetto possono aumentare i clienti potenziali e dare vita ad un’attività di green marketing.

Tutti vogliono vivere in un mondo più pulito!

Sapevi che puoi richiedere un comodato d’uso gratuito anche nella tua città?

 

In vista dell’emergenza da Covid-19 e dell’uso obbligatorio di guanti e mascherine, abbiamo ideato un nuovo eco-raccoglitore che potrà aiutarci a tenere pulite e sicure le nostre città!

iRycicloPlay per una scuola GREEN

RICICLIAMO A SCUOLA!

iRycicloPlay può aiutarti a rendere la tua scuola, o la scuola del tuo bambino, GREEN.

Educando alla raccolta differenziata la tua scuola sarà in prima linea nell’educazione civica,
nella promozione del senso di collettività e del rispetto dell’ambiente da parte dei bambini e dei loro genitori!

Con iRyciclo Play insegni la raccolta differenziata

ai più piccoli

I bambini imparano a diventare cittadini green!

La scuola sensibilizzerà i suoi alunni sul tema del rispetto dell’ambiente,

potrà organizzare attività extrascolastiche…i bambini impareranno giocando!

 

Vantaggi anche per i più grandi

Il personale scolastico ed i genitori potranno usufruire delle offerte pubblicizzate sugli Eco-raccoglitori iRyciclo Play tramite l’erogazione degli Eco-coupon.

Hoop: il riciclo infinito della plastica

Ogni anno in Europa sono generati circa 25,8 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, di cui meno del 30% viene raccolto a fini di riciclaggio.
Anche in Italia continuiamo a consumare sempre più imballaggi in plastica: nel 2018 sono state consumate 2.292.000 tonnellate, che sono state avviate per il 44,5% a riciclo, per il 43% a recupero energetico e per il 12,5% in discarica.

Il problema della plastica mista

In questo quadro, la grande sfida è rappresentata dalla plastica mista (o plasmix) che è difficilmente riciclabile e rappresenta quasi la metà della plastica raccolta. Attualmente il processo di riciclo della plastica è di tipo meccanico (non solo in Italia ma anche in Europa); questo tipo di processo ha dei limiti nel riciclo infinito della plastica. Il riciclo meccanico, infatti, è adatto a riciclare materiali puri ed omogenei selezionati attraverso la raccolta differenziata, riscontrando invece difficoltà nella gestione di materiali multistrato o complessi.

Versalis: nasce HoopTM

 

Versalis, società chimica di Eni che opera a livello internazionale nei settori della chimica di base delle materie plastiche, delle gomme e della chimica da fonti rinnovabili, ha dato vita a Hoop™ progetto per lo sviluppo di una nuova tecnologia per riciclare chimicamente i rifiuti in plastica.

Versalis ha firmato un accordo di sviluppo congiunto con la società italiana di ingegneria Servizi di Ricerche e Sviluppo (S.R.S.), proprietaria di una tecnologia di pirolisi che verrà sviluppata ulteriormente per trasformare i rifiuti in plastica mista, non riciclabili meccanicamente, in materia prima per produrre nuovi polimeri vergini.

Versalis a Mantova realizzerà un primo impianto da 6.000 tonnellate l’anno, con l’obiettivo di progressivo passaggio di scala iniziando dai propri siti produttivi nazionali.

 

Un grande passo nel riciclo della plastica, che parte sempre però dalla giusta raccolta differenziata.

iRyciclo Play ha creato eco-raccoglitori per la raccolta differenziata incentivata di Plastica.

Fa la tua parte!

Coca-Cola: bottiglie di plastica si, ma riciclate

Coca-Cola non abbandonerà le bottiglie di plastica

La dichiarazione di Bea Perez, responsabile dei progetti per la sostenibilità ambientale di Coca Cola, alla BBC durante l’incontro annuale del World Economic Forum a Davos, è chiara: l’azienda non abbandonerà le bottiglie di plastica.

Vi chiederete Perchè? I clienti vogliono ancora usarle e “Gli affari non sono veri affari se non si soddisfano le esigenze dei consumatori” (cit.)

Coca-Cola è l’azienda che inquina di più

Secondo un rapporto pubblicato nel 2019 dalla Break Free from Plastic, organizzazione che si occupa di sostenibilità ambientale e di inquinamento da materie plastiche, Coca-Cola è il più grande produttore di rifiuti di plastica al mondo.
L’azienda produce, infatti,  3 milioni di tonnellate di involucri e contenitori in plastica ogni anno.

Bea Perez al WEF ha ammesso il problema dicendo che Coca-Cola sarà anche “parte della soluzione”;
la società infatti si è impegnata a produrre tutti i suoi imballaggi con almeno il 50% di materiale riciclato entro il 2030 e di raccogliere o riciclare una bottiglia o una lattina per ognuna di quelle che vende.

 

Precedentemente il CEO della società, James Quincey, in una dichiarazione alla stampa aveva affermato:

“Indipendentemente da dove provenga, vogliamo che ogni confezione abbia più di una vita”

 

 

Con iRyciclo Play le aziende possono raccogliere, e quindi riciclare, le bottiglie vuote incentivando i consumatori (es. sconti su prodotti nuovi).

Tutto ciò personalizzando gli eco raccoglitori dando vita ad una nuova attività di marketing.

 

Clicca qui per scoprire i vantaggi del nostro franchising.

 

 

 

*Le immagini hanno il solo scopo illustrativo

 

 

 

 

 

iRyciclo Play, la produzione

La produzione degli Eco-Raccoglitori iRycicloPlay è completamente Made in Italy,

sono prodotti infatti nello stabilimento di San Salvatore Telesino (BN)

Tecnici ed operai esperti forgiano le singole componenti dell’eco-raccoglitore

Tutti gli Eco raccoglitori iRyciclo Play sono garantiti per 5 anni e sono di qualità certificata con Marcature CE.

La produzione continua, gli eco-raccoglitori stanno per raggiungere la tua città!

Scopri come puoi diventare partner iRyciclo Play!

Carta Smeraldo: Bologna cambia

Un passo indietro?

A Bologna la raccolta dei rifiuti non differenziabili avviene con modalità completamente nuove:

ritornano i cassonetti in strada, ma la grande novità è la Carta Smeraldo.

I cassonetti con cassetto possono essere infatti aperti solo con la carta,

distribuita ai 47.000 intestatari della Tari e attivabile attraverso l’app “il Rifiutologo”.

Altra novità è la Carta Smeraldo web con la quale è possibile aprire il cassonetto avvicinando il proprio smartphone al lettore,

senza dover inserire fisicamente la tessera.

Cosa cambia per i cittadini?

La raccolta dell’indifferenziato non avviene più porta a porta ma è il cittadino a dover conferire i rifiuti autonomamente;

dall’altro lato essendo la carta associata ad ogni utente Tari, si costruisce la strada verso la tariffazione puntuale.

 

La tariffazione puntuale, introdotta dalla legge regionale 16 del 2015, è un sistema per la gestione dei rifiuti che consente di introdurre una tariffa calcolata in parte in base alla reale produzione di rifiuto conferito dall’utente. É una misura che responsabilizza i cittadini e permette di raggiungere risultati ambientali importanti in termini di raccolta differenziata e di riduzione dei rifiuti.

 

Piccoli passi che fanno ben sperare in un cambio di rotta anche nei singoli comuni italiani.

 

Con iRycicloPlay le città possono diventare Smart, scopri come!

 

Fonte Comune di Bologna